Domani

Aprì gli occhi sul fondo della notte con l’affanno – stava ancora sudando – ma senza ricordarsi di aver avuto alcun sogno.
Voltò lo sguardo verso l’altra metà del letto e la vide che dormiva. Gli occhi chiusi, l’espressione distesa, la testa ad affondare nel cuscino. Non l’ho svegliata pensò.
Sentiva, dalle persiane della finestra socchiusa, una corrente di brezza e odore di felci sollevare la tenda e distendersi tra l’armadio a muro e il letto, qualcosa a cui non era abituato e che non si aspettava. Annusò nuovamente l’aria imbevuta di quell’odore scivolando con tatto fuori dalle lenzuola. Era estate, dormivano nudi. Si infilò la vestaglia legandosela intorno alla vita e si avviò verso il balcone. Attraversando il corridoio nella penombra prese quasi senza pensarci un block notes, una penna e un pacchetto di Pall Mall rosse. Aveva voglia di scrivere. Aveva voglia di accendersi una sigaretta e buttare giù appunti per il giorno dopo. O magari disegnare – non disegnava dai tempi della scuola. –. Ma non appena raggiunse la soglia del terrazzo si fermò, e quasi perdendo l’equilibrio fece un passo indietro e lasciò cadere le sigarette.
Si appoggiò allo stipite della porta. Si guardò attorno. Chiuse gli occhi, li riaprì. Li richiuse, li aprì di nuovo. Il fiato ricacciato in gola dagli odori e dalla sorpresa.
Se fosse un sogno pensò, me ne accorgerei – sapeva come risvegliarsi da un sogno, conosceva la sensazione che un sogno provoca in chi ci si ritrova d’un tratto dentro – non sto sognando concluse.
C’era, davanti a lui, una foresta.
I condomini, i tetti degli edifici oltre l’incrocio, la piazza, le strade, i parcheggi. Ogni cosa sommersa sotto una mano di verde ragionò. Ogni cosa. Si mise a cercare con lo sguardo un appiglio familiare senza incontrare altro che vegetazione. Il momento successivo a una nevicata pensò di nuovo – quando si fatica a riconoscere ciò che un attimo prima era evidentema con fronde al posto dei fiocchi. Foglie, alberi ad alto fusto e dalla forma allungata, ma densi, che emergevano da un manto d’altre piante più compatte.
Fece per tornare indietro – si voltò – e voltandosi vide che la foresta aveva invaso anche il suo appartamento. O prima non me ne ero accorto pensò, o mi sta ancora crescendo attorno. E cercò, nel ragionare, di non farsi prendere dalla paura che adesso sentiva nascergli dentro. Ricominciò in questo stato ad attraversare il corridoio – voleva raggiungere la stanza da letto per svegliarla – ma si ritrovò in un sentiero di liane che conduceva verso il suolo. Mi sono perso realizzò, e nel realizzarlo cominciò a chiamarla.
“Elena!”, si mise a gridare.

La cercava e intanto avanzava. E avanzando si immergeva nella foschia. Ma più gridava e più sentiva il fiato venirgli a mancare. Più avanzava – con lentezza, a fatica – più si faceva largo in lui la convinzione di non essere solo.
C’erano fruscii. C’era – alle volte ne pareva sicuro, altre si convinceva d’esserselo solo immaginato – qualcuno. C’erano diversi qualcuno. Qualcun’altro si stava spostando, da qualche parte, oltre a lui. Gli parve di sentire grida, di udire urla, nomi. Gli parve di captare voci che cercavano altre voci. Richieste d’aiuto pensò. Altra gente che come me si è svegliata nel mezzo della notte e adesso sta vagando. Ma la foresta assorbiva i suoni. Tutto questo è pazzesco mormorò liberando i lembi della vestaglia dal morso degli arbusti.
Camminò in questa maniera senza smettere di chiamare finché sentì il fiato mancargli e allora si fermò. Si accorse solo in quel momento del block notes e della penna che ancora stava tenendo nella mano.
Scrivere ecco quello che doveva fare. Mettere insieme un documento, una prova, una traccia. Quello che devo fare disse tra sé, è lasciare una testimonianza di ciò che sta accadendo.
Aprì il block notes e cominciò con furia a prendere appunti. Scrisse svegliato nel mezzo della notte. Odore di felce. Uscito sul… sul… ma non riuscì ad andare avanti. Uscito sul… ripeté, … su quella cosa che… che esce fuori… Ragionò. Come si chiamavano?, quelle cose alte, dentro cui la gente… ahpalazzi, ecco.
Uscito su quella cosa che esce fuori dai palazzi mormorò – d’accordo disse, ma quella cosa, come si chiama? Quella cosa che esce fuori dai.., mugugnò, e la gente ci… – ma più cercava di ricordarsene e più sentiva le parole rimpicciolirsi e scomparire.
Tornò a fissare il foglio su cui stava scrivendo.
Uscito sul… Lesse. Uscito…
Rannicchiato nello scuro di un’enorme radice, guardò nuovamente il block notes che teneva sulle gambe e cercò di ricordarsi cosa stesse facendo. Cercò, con tutto se stesso, di ricordarsi come si faceva a fare… a fare quello che stavo facendo.
Sfogliò le pagine all’indietro. Quindi nuovamente in avanti. Poi di nuovo all’indietro. Mettendosi più volte a schiacciare il dito sulle parole con lentezza. Finché si ritrovò ad osservarsi la mano. Si ritrovò a studiarsi i polpastrelli e il palmo semiaperto, e ciò che il palmo conteneva.
Stava reggendo questa cosa, questa cosa appuntita farfugliò, ma leggerissima…
E nuovamente si concentrò sul block notes. C’erano tracciati sopra dei segni, delle linee che lui aveva fatto, senza dubbio, ma non si ricordava più come.
E provando a muovere sopra il foglio quell’oggetto appuntito, vide che un liquido scuro usciva da una delle sue estremità, ed era con quello – era con quella cosa – che si potevano tracciare i segni.
E questo si mise a fare allora. Si mise a tracciare segni, e poi forme, e poi linee: semplici, ondulate linee senza fine né ragione.

Ma non durò a lungo perché più andava avanti e più sentiva il bisogno di strappare i fogli su sui stava scarabocchiando e mentre cominciava a farlo – mentre cominciava a stracciare l’interno del block notes – l’avvertì. Con certezza questa volta.
All’inizio il rumore, a seguire la figura. .La vide sbucare in un balzo e sparire nel varco delle piante che le stavano di fronte. Il corpo coperto di graffi, la pelle sudata.
Lui gettò gli stralci del block notes tra le radici e con la penna ancora in mano si mise a inseguirla.
Sentiva una scia di paura precederlo – un odore simile al suo – qualcosa che pareva chiamarlo e insieme smuovergli le interiora.
Le fu addosso nei pressi di alcune rocce. La buttò a terra, le saltò sopra, e i loro corpi si batterono finché le forze di lei non vennero a mancare.
Allora la schiacciò la fronte sulle foglie. E sollevandola dai fianchi avvertì un fuoco risalirgli nelle gambe. Fu tenendola così piegata e respirando quell’aria che cominciò a montarla.

Quando l’altro gli apparve davanti non aveva ancora finito. Lei approfittò del momento per liberarsi dalla presa e scivolare via. La vide, in un istante, raddrizzarsi e respirare con terrore, e poi sparire in un balzo nella vegetazione.
L’altro intanto lo osservava e grugniva. Cominciarono a muoversi in circolo. Cominciarono a muoversi in circolo e ad emettere suoni.
Poi lui scorse la penna abbandonata sul terriccio, e afferrandola e tenendola bene stretta si fece sotto con un balzo e lo colpì sulla spalla.
Quello indietreggiò cacciando un grido. Più di rabbia che di sofferenza. Si osservò il braccio sanguinante e gridò nuovamente. Torse la testa come se fosse stata stretta improvvisamente in una pressa invisibile e sparì a sua volta tra le felci.
Lui a quel punto lasciò cadere la penna a terra e nel farlo si dimenticò di averne mai posseduta una. Si liberò di quel che restava della vestaglia e per un momento sollevò la testa a sbirciare il cielo. Cominciava ad albeggiare. Le stelle ricacciate come pupille nella luce.
Si accucciò sulle mani annusando il terreno. E muovendosi in quella posizione si ricacciò strisciando nella foresta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in SIETE ANCORA Lì?, e altre storie sotto le duemila parole e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Domani

  1. Scritto magnificamente, ero lì con lui.
    Grazie.
    c.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...